Mal di schiena in gravidanza

Il mal di schiena è un sintomo molto comune in gravidanza che in genere non è grave anche se piuttosto fastidioso ma altre volte può essere il segno di qualcosa che non va. Vi spiego allora quali possono essere le cause, i rimedi ma soprattutto cosa possiamo fare per prevenirlo. 

Le cause del dolore

Le cause del mal di schiena sono da ricercare nelle modifiche che il feto induce nel corpo della madre già dai primi momenti successivi al concepimento. Può comparire infatti a partire dalla ottava/decima settimana di gestazione anche se in genere i fastidi diventano tali a gravidanza avanzata.

Nel I° Trimestre il mal di schiena compare quasi esclusivamente in donne con patologie del rachide precedenti alla gravidanza o se particolarmente obese.

Nel II° Trimestre si ha un aumento della secrezione di ormoni che rilassano i muscoli (progesterone e relaxina) per prepararli al parto. Inoltre si ha uno spostamento graduale del baricentro del corpo materno per compensare il peso della pancia che cresce. Questi 2 fattori insieme  provocano un aumento della curvatura della schiena (lordosi) a livello lombare che incide non poco nella sensazione di dolore. Ovviamente un lavoro troppo intenso o movimenti posturali scorretti peggiorano  questa condizione.

Nel III° Trimestre aumenta il peso del feto e dell'utero ed è quasi costante un certo affaticamento muscolare quasi in tutte le donne sia per questioni lavorative che  domestiche. Inoltre iniziano a comparire delle contrazioni fisiologiche di preparazione al travaglio definite di "Braxton Hicks" che peggiorano il dolore.

Come prevenire il mal di schiena ?

Alcuni consigli potrebbero sembrare banali ma al contrario molto spesso sono utili, vi spiego quali: 

  1. Evitare scarpe con tacchi molto alti (8-10cm) o troppo basse (ballerine) ed utilizzare quelle comode ed ammortizzanti.

  2. Evitare aumenti di peso ! Nella prima metà della gravidanza 3-5kg di aumento bastano e avanzano, e contrariamente a quello che si può pensare il feto si ossigena meglio e cresce meglio.

  3. Evitare di dormire supine soprattutto oltre il secondo trimestre. A pancia in su viene compresso il diaframma con difficoltà respiratorie e la vena cava inferiore con sintomi di lipotimia (senso di mancamento/svenimento). Meglio quindi sdraiarsi sul fianco sinistro con le ginocchia piegate verso il pancione e magari un cuscino sottile tra le gambe. Questa posizione favorisce una buona respirazione della mamma, sollievo alla schiena e alle anche e al bacino, ed una buona ossigenazione del feto nell'utero.

  4. Evitare di sollevare pesi o fare sforzi. I mariti o le mamme in questo periodo servono anche a questo :D

  5. Riposare un numero adeguato di ore.

  6. Stare seduta con la schiena ben diritta o appoggiata alla sedia o al sedile dell'auto.

Quali sono i rimedi per il mal di schiena ?

In gravidanza la tendenza dei medici è sempre quella di evitare i farmaci perché nella maggior parte dei casi non vi sono studi clinici che ne abbiano testato le controindicazioni. Tenendo questo concetto presente ecco cosa possiamo fare oltre le accortezze posturali, ed i consigli che ho già sopra elencato.

 

  • Tonificare i muscoli della schiena con esercizi specifici può aiutare ma necessitano di una spiegazione attenta ed accurata di un medico perché se non sono eseguiti correttamente provocano danni maggiori, meglio qualche ora in piscina nell'arco della settimana: diminuisce il peso sul rachide e tonifica i muscoli (senza agonismo).

  • Utilizzare dei body specifici. Le ricerche dimostrano che il problema da risolvere è quello di distribuire i pesi aggiuntivi su tutta la schiena. L'utilizzo di body specifici permette grazie alla loro forma di trasferire con la massima efficacia e quanto più uniformemente possibile il peso dell'addome sull'intera colonna vertebrale, alleggerendo il lavoro del tratto lombare ed aiutandovi a mantenere posture corrette (per evitare pubblicità occulta chiedimi info sulle marche che consiglio in privato). Ne esistono vari modelli: per la donna in gravidanza, come costumi prémaman e per il postparto.

  • Utilizzare creme ad azione antinfiammatoria locale. La quasi totalità delle creme in commercio è indicata per pazienti non in gravidanza. Esiste comunque qualche composto non cortisonico e non FANS che può nei casi più fastidiosi essere utilizzato (per evitare pubblicità occulta chiedimi info in privato).

  • Antidolorifici: anche in questo caso quasi tutti i farmaci sono sconsigliati. Il paracetamolo in uno studio clinico condotto negli Stati Uniti su oltre 11000 gravidanze non ha mostrato effetti teratossici o embriotossici e pertanto in casi sporadici può essere utilizzato a questo scopo. Anche il buscopan o lo spasmex possono essere utilizzati, ma sono specifici soprattutto per la muscolatura involontaria e pertanto funzionano meglio per i dolori da contrazioni come quelle di Braxton Hicks.

  • Instagram
  • Facebook Social Icon
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now